\\ Home Papagnol : Articolo : Stampa
Notte Santa
Di Francisk (del 23/12/2008 @ 13:00:00, in Saggezza Barlettana, linkato 1286 volte)

L'adorazione dei Magi
, 1622 (olio su tela, 164 x 190 cm)

Notte Santa
V’dern na louc chedd nott i pastour
e sub’t fur’n pigghiat da pagour.
“Non temete – d’cett l’Ang’l du S’gnor –
iosc a Betlemm è nat u Salvator”.
Add’vndett prisc cudd ca ier stat t’mor,
add’vndett prisc ca traboccav ind o cor.
Chid parol fur’n nu bagliòr ind all’oscur’tè,
tenn stess, lassèr'n u gregg e parter’n ch scì a v’dè.
Scer’n e truer’n Marei, G’sepp e u Redentor
arravugghiàt jìnd e fesc sop a na mangiator.
Quanda pac, quanda s'rntè,
rumaner'n n'gandllat e nan riuscev'n mengh a parlè.
L’occh'r d’ na memm s'appic'n quenn nesc nu figghie,
s' perd'n ind a chedd meravigghie;
chidd d’ Marei nan gi puteim mengh mmag’né:
u sguerd sou contemplav u Salvator dell’uman’tè.
U S’gnor s’ faciav iom, tenn, dè,
rabb da scirasinn d’ cap da f’lcetè.
Pour G’sepp d’ tutt i mal’sengh s’avav scurdat
e s’ guardav u m’ninn cuntend e biat.
Ogne ioun s’ sendav chiù l’ggir, senz affenn,
s’ resp’rav u m’stàr d’ n’amor grenn .
L’amor du Criator ca s’facett criatour
e i preim a sapell fur’n i pastour.

**************
Videro una luce quella notte i pastori
e subito furono presi dalla paura
“Non temete - disse l’Angelo del Signore –
oggi a Betlemme è nato il Salvatore.”
Divenne gioia quello che era stato timore,
divenne gioia che traboccava nel cuore.
Quelle parole furono un bagliore nell’oscurità,
in quel preciso momento (i pastori) lasciarono il gregge e
partirono per andare a vedere.
Andarono e trovarono Maria, Giuseppe e il Redentore
avvolto in fasce e deposto nella mangiatoia.
Quanta pace, quanta serenità,
rimasero incantati e non riuscivano nemmeno a parlare.
Gli occhi di una mamma si accendono quando nasce un figlio,
si perdono in quella meraviglia,
quelli di Maria non possiamo nemmeno immaginarli:
il suo sguardo contemplava il Salvatore dell’umanità.
Il Signore si faceva uomo, in quel momento e in quel luogo,
roba da uscire di senno per la felicità.
Anche Giuseppe aveva dimenticato di tutte le
preoccupazioni e guardava il Bambinello contento e beato.
Tutti si sentivano più leggeri, senza affanni,
si respirava il mistero di un amore grande.
L’amore del Creatore che si fece bambino
e i primi a saperlo furono i pastori.
NATALE DI SERENITA' E PACE A TUTTI
Francesco Prascina
 Home page © Copyright 2003 - 2021 Tutti i diritti riservati.
powered by dBlog CMS ® Open Source