Vota per intitolare:

Google
 

dBlog piattaforma CMS Open Source per Blog
\\ Home Papagnol : Storico : Saggezza Barlettana (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

MAR
Di Francisk (del 06/06/2009 @ 15:05:48, in Saggezza Barlettana, linkato 1866 volte)

 

M’ piac cammené sop au vrèzz,

sceraminn pess pess mèzz a mmár,

mèzz a chèdd acque ca t’abbrezz.


L’arie fac palv’r i rumour

soffie u vind

e  t’ iègn u nas d’addour.


Ind a cap sind nu fiat leggir

nu suspèir

capac d’ spazzè i mal p’nzir.


U stess fiat ca iess

sop a vocal d’ sta parola car:

Már

 
Di Francisk (del 23/12/2008 @ 13:00:00, in Saggezza Barlettana, linkato 1123 volte)

L'adorazione dei Magi
, 1622 (olio su tela, 164 x 190 cm)

Notte Santa
V’dern na louc chedd nott i pastour
e sub’t fur’n pigghiat da pagour.
“Non temete – d’cett l’Ang’l du S’gnor –
iosc a Betlemm è nat u Salvator”.
Add’vndett prisc cudd ca ier stat t’mor,
add’vndett prisc ca traboccav ind o cor.
Chid parol fur’n nu bagliòr ind all’oscur’tè,
tenn stess, lassèr'n u gregg e parter’n ch scì a v’dè.
Scer’n e truer’n Marei, G’sepp e u Redentor
arravugghiàt jìnd e fesc sop a na mangiator.
Quanda pac, quanda s'rntè,
rumaner'n n'gandllat e nan riuscev'n mengh a parlè.
L’occh'r d’ na memm s'appic'n quenn nesc nu figghie,
s' perd'n ind a chedd meravigghie;
chidd d’ Marei nan gi puteim mengh mmag’né:
u sguerd sou contemplav u Salvator dell’uman’tè.
U S’gnor s’ faciav iom, tenn, dè,
rabb da scirasinn d’ cap da f’lcetè.
Pour G’sepp d’ tutt i mal’sengh s’avav scurdat
e s’ guardav u m’ninn cuntend e biat.
Ogne ioun s’ sendav chiù l’ggir, senz affenn,
s’ resp’rav u m’stàr d’ n’amor grenn .
L’amor du Criator ca s’facett criatour
e i preim a sapell fur’n i pastour.

**************
Videro una luce quella notte i pastori
e subito furono presi dalla paura
“Non temete - disse l’Angelo del Signore –
oggi a Betlemme è nato il Salvatore.”
Divenne gioia quello che era stato timore,
divenne gioia che traboccava nel cuore.
Quelle parole furono un bagliore nell’oscurità,
in quel preciso momento (i pastori) lasciarono il gregge e
partirono per andare a vedere.
Andarono e trovarono Maria, Giuseppe e il Redentore
avvolto in fasce e deposto nella mangiatoia.
Quanta pace, quanta serenità,
rimasero incantati e non riuscivano nemmeno a parlare.
Gli occhi di una mamma si accendono quando nasce un figlio,
si perdono in quella meraviglia,
quelli di Maria non possiamo nemmeno immaginarli:
il suo sguardo contemplava il Salvatore dell’umanità.
Il Signore si faceva uomo, in quel momento e in quel luogo,
roba da uscire di senno per la felicità.
Anche Giuseppe aveva dimenticato di tutte le
preoccupazioni e guardava il Bambinello contento e beato.
Tutti si sentivano più leggeri, senza affanni,
si respirava il mistero di un amore grande.
L’amore del Creatore che si fece bambino
e i primi a saperlo furono i pastori.
NATALE DI SERENITA' E PACE A TUTTI
Francesco Prascina
 
Di Francisk (del 17/11/2008 @ 11:13:08, in Saggezza Barlettana, linkato 1073 volte)

Cari amici mi direte: "E mo t' n' vin ?"

Avete ragione, sono in ritardo di due settimane.

Il fatto è che avevo perso la speranza di farvi leggere questi versi. Infatti, il pezzo di carta su cui si erano posati era scomparso con mio grande disappunto.

Ieri mattina, frugando nelle tasche interne di una mia giacca, ho trovato un foglietto spiegazzato, l'ho aperto e ho esultato.

La mia poesia era lì per me e anche per tutti voi.

Buona lettura

 

3 novembre

 

Nan m piac scì au cambsend, 

né ai murt e nemmengh a Ognessend.

Tropp cr’stian nnenz e rat chi vial,

par avv’dè ca c’ vé nalta dei nan val.

Iè a sol f’stvtè andò l’appundamend

nan iè sop ou cors, ma iind ou cambsend. 

Iè d’vers a location, com deic ci è studiat,

terra terr, chembie u post ma non u r’sultat.

E qual iè u r’sultat a fein ?

S’ pot deic ch na parol: ammuein. 

Femm’n mbell’cciat, memm chi carruzzed,

s’gnor d’stind, uauein e uauenedd.

Criatour ca cret’n d’ stè mmezz a vill du castidd,

grenn ca s’hann preoccupat d’stutè u c’rvidd.

U c’rvidd sein ma non u telefonein 

ca, chiaramend, tan na mus’chett da cretein.

Ma n’zamm iè a dei di murt o di veiv ?

No, p’rcè mengh sol u bber ch l’ap’rteiv.

Tend val, m’van da p’nzè,

r’mandè tutt o ggiorn tre.

A dia dop iè  nu fett ass’curat,

quas tutt di murt s’ n’hann scurdat.

Allor chi vial vachend put camm’né 

e tenn a mort t’ fac penzè. 

Truv a memm ca iogn dei

du figghie s’ pulizz a fotografei

e nan p’rmett a palv’r ca s’pos,

cu timb d’ canc’llè ogne cos.

Truv a vecchiaredd  tutt’avv’zzeit,

ca dop tand’enn nan z’ scord du mareit. 

Truv c’ chieng ch na partenz m’brovveis, 

c’ d’ nu dolor fort send tutt u peis.

Accom deic u Selm l’om iè nu fiat, 

iè n’ombr v’loc, sub’t passat.

 

Francesco Prascina

 

 

 
Di papagnol (del 31/10/2008 @ 16:37:25, in Saggezza Barlettana, linkato 1512 volte)

Dalla GINO PASTORE COLLECTION

dall'album "NANNOR"

in occasione della festività dei ns defunti

U PRUCAMURT (con accordi)

                             RE-                             LA7                                              RE-

Iei fezz u pr'camurt d m'stir, e sa da mort u megghij camerìr

                                                                LA7                                                 RE-

C' secc ch'è sckattat nu 'sural, m 'bbev u vin russ ind'o v'cal

                                          SOL-                     RE-                              LA7

C'mor nu cr'stian pov'rid i fezz tend d' cappid

                                                                                          RE- / RE7

e chiù l'appicc u lambarìd

                               SOL-                                RE-                                        LA7

c' secc ca stu murt è ffett ben, i l'attocch acchian acchian

                                                                                               RE/LA/RE

e murt e 'bbun i streng a man

                          RE                                  LA7                                                RE 

Mor nu p'zzett d'stu cor, c'mor nu cr'stian bun 'e cor

   SOL-                                     RE                                 LA7                 

Reit quenn mor u prepotend, u ruffian u mariùl parasseit, sfadgat, u sfruttator

                                                                                RE/LA/RE.......... RE-

du paieis

 

Iei fezz u pr'camurt d m'stir, e sa da mort u megghij carcerir

C'mor u pov'rid zappator, m'allav a copp'l e i fezz tend onòr

C' sckett nu p'zzent arr'chsciout iei l'allav d'o tavòut e i doch a foss afft'sciout

C' sckett nu pallist sparachecchij m'avv'cein nenz' a recchij e i fezz 'mbecc nà p'rnecchij

 

Mor nu p'zzett d stu cor, c'mor nu p'zzend ch' l'onor

Reit quenn sckett u senatòr, d'i p'zzend u trad'tor, sucagnostr e parlator, mariùl e sfruttator.

 

Iei fezz u pr'camurt d m'stir, e sa d'a mort u megghij camerir

A turn iei v'aspett 'mbr'cssion, da mà non zerv a raccomandaziòn

Iei deich a tutt i send arr'cchsciout ca l'aspett nu tavout e pour i scirn sa f'ttout

Iei vogghij ca stu munn avv'lnat aiutess a tutt i frat ca non pot'n mangè

 

Mor nu p'zzett d'stu cor, mor d' d'lor ch' na sor

Chieng quenn mor nu criatour,

sop a foss iei l'ammengh tre c'rroun e pragh i send, nu bouquet d' fiour biengh!.(x2)

Lascio commentare a voi questo splendido testo, accostabile (con dovuto rispetto) alla grande "A livella"

Buon Fine Settimana

 
Di papagnol (del 29/10/2008 @ 14:45:48, in Saggezza Barlettana, linkato 1754 volte)

Le ricette dello Chef Papagnolo

Non si tratta di una parola arabeggiante, Namangèd Pancùtt, ma semplicemente la trascrittura di una nota espressione locale barlettana che invita il nostro interlocutore a fare più esperienza nel settore in cui ormai si crede essere arrivato.

A questa persona spesso si suol dire: Ehhh, n'ha mangè d' pàn cùtt! (trad: Eh, ne hai ancora da mangiare di pane cotto... appunto, DEVI FARNE ANCORA DI STRADA CARO MIO!!!)

Ma ci siamo mai chiesti in realtà che cos'è questo PANE COTTO? Ma soprattutto quanti di noi si ricordano che le nostre nonne ci hanno cresciuto proprio a PANE COTTO invece che a CremaDiCereali, Omogeneizzati, e Vitamine XYZalquadrato... e il Fluoro.... e il Ferro... (qui parla Papagnolo il papà)
Ma soprasoprattutto, quanti di noi saprebbero oggi preparare sto cacchio di PANE COTTO???

Ebbene, lo chef Papagnolo si è documentato ed ha tirato fuori per voi la ricetta delle ricette, con cui potrete stupire i vostri ospiti e raccontare loro la storia del PANE COTTO (U Ppàn Cùtt)

Dopo un summit che ha coinvolto 3 grandi nomi della cucina internazionale (Mammìn, Nannòr maji e Franco Ricatti del BACCO).. la ricetta del PANE COTTO versione GOURMET è pronta per voi.

Un pò di storia:
Pàne cùtt (pane cotto), è in assoluto il piatto più povero della cucina tradizionale nostrana. Quando il pane diventava immangiabile, lo si metteva in una teglia tagliato a pezzetti, si copriva di acqua e si condiva con olio (poco), sale e qualche foglia di alloro. Si lasciava cuocere a fuoco moderato e, quando il pane si condensava, veniva versato nei piatti e mangiato, nei casi più fortunati, con un po’ di formaggio.
Il “pane cotto” può essere considerato uno dei cibi emblematici dell’alimentazione del passato, un’alimentazione al limite della sopravvivenza e che per questo affidava ad ogni pietanza un ruolo insostituibile. Il pane cotto, ad esempio, pur nella sua elementarità, era un cibo speciale: fermava l’appetito, quando la dispensa era vuota, oppure diventava la cena nelle fredde sere d’inverno. È un piatto che più di altri fa ricordare quanto la fame sia stata onnipresente nella vita della nostra gente.
Cibo povero per antonomasia, dimostra tuttavia la sua ricchezza sotto il palato e se vi capiterà la fortuna di trovarlo in qualche ristorante non lasciatevelo sfuggire!

INGREDIENTI (diciamo per 4 persone):
Pane Raffermo (u PPàn Tùst, u cchiù Tust) - 8 fette
Patate - 500gr (le patane margherita, bellabuonaesaporita)
Rucola ('a ròuch)
Olio (l'ùgghji nùst, 1dl)), aglio (uno spicchio), 1 peperoncino intero (varietà diavilicchio)
PREPARAZIONE:
Semplicissimo: Tagliare le patate (sbucciate) a fette e mettetele in una pentola con l'acqua fredda e appicciate il fuoco. Portare a ebollizione l'acqua e da quel punto lasciate cuocere le patate per circa 10 minuti, salando l'acqua.
Intanto in un pentolino scaldate l'olio con lo spicchio d'aglio intero e il peperoncino. Lasciare sfrigolare un istante e poi spegnete la fiamma.
Tenete da parte quest'olio lasciando l'aglio e il peperoncino a bagno... così ha più amore!
Dopo 10 minuti, verificate che le patate siano già abbastanza morbide e a quel punto CALATE LA RUCA (precedentemente lavata e pulizzata) e dopo altri 5 minuti le vostre fette o pezzi di PANE TOSTO.
Lasciate ammorbidire bene bene il pane (roba di pochissimi secondi) e quindi SCOLATE TUTTO (Pane, Patate, Rucole) prendendole dalla pentola RIGOROSAMENTE con la SCHIUMAROLA.
Versate in un piatto fondo quello che avete prelevato dalla pentola (scolato per perdere l'acqua in eccesso). Quindi in un piatto avrete un mischiamischia del composto che andrete a condire con OLIO AROMATIZZATO all'aglio e peperoncino..... a sfazione!!
E ORA NON SAPETE (anzi non SANNO GLI ALTRI) QUELLO CHE VI MANGIATE

E così abbiamo un altro modo per consumare il PANE TOSTO!
Alla prossima

P.S. questa ricetta (salvo i termini nostrani) è stata presa da un libro di cucina serio, su cui appaiono le ricette del ristorante BACCO che oggi è a BARI.
ORIGGINALE

Papagnolo

 
Pagine: 1 2 3


Titolo
A fotografei (1)
Barletta nel Cuore (36)
BARLETTA NEL MONDO (7)
Comunicazioni (7)
Dalla nostra inviata a Barletta (4)
Gino Pastore (4)
Impariamo il barlettano (26)
INIZIATIVE by Papagnol.com (18)
Io Sono Barlettano (47)
L'angolo della fotografia (3)
Papagnol & Friends (43)
Saggezza Barlettana (13)
Storia di Barletta (4)
UNO A ZERO "PALLA AL CENTRO" (2)

Catalogati per mese:
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018

Gli interventi pi cliccati

Ultimi commenti:
I like you post. Very wel...
15/12/2018 @ 11:52:25
Di Alexa
I like you post. Very wel...
15/12/2018 @ 11:51:05
Di alexa
Truly nice post I like th...
08/12/2018 @ 09:02:42
Di justin hales
All of the above mentione...
12/10/2018 @ 12:01:47
Di Sophie
Check Link[URL=http://www...
21/09/2018 @ 13:49:25
Di Rkman Tiwari

Titolo
[ FIRMA ANCHE TU ]


la tua foto UNOaZERO sul Blog

L'album di PJ-Stefano

PAPAGNOL anche su MYSPACE


Cerca per parola chiave
 

< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           


Ci sono 501 persone collegate

Titolo
Nessun sondaggio disponibile.


17/12/2018 @ 13:27:43
script eseguito in 94 ms



Layout design by eStrix
distributed by:
pinkpowder : templates