Vota per intitolare:

Google
 

dBlog piattaforma CMS Open Source per Blog
\\ Home Papagnol : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Francisk (del 31/03/2009 @ 10:08:57, in Io Sono Barlettano, linkato 1849 volte)
Amici del nostro blog eccomi a voi.
In questo post parliamo dei luoghi della nostra infanzia barlettana. Insomma diamo spazio ai ricordi facendo riemergere vie e posti particolari che ci hanno visto protagonisti con i nostri giochi, le nostre amicizie e inimicizie, le nostre esperienze di vita belle e alcune volte pericolose.
Aspetto i vostri racconti di quell'età spensierata, voi nel frattempo leggetevi questa sorta spatafiata.
 
Via Santa Marta 38
 
C’ camèin ch Barlètt
Se cammini per Barletta
e vu sapè andò sann svolt sti fett
e vuoi sapere dove si sono svolti questi fatti
a respost iè: au 38 d’ via Sanda Mert.
la risposta è: al 38 di via Santa Marta.
Sanda Mert iè ioun di sett strad,
Santa Marta è una delle sette strade,
l’ulteme c’ sop au cors cammenat
l’ultima se camminate sul corso (Vittorio Emanuele)
e vers u Tietr v’n’ sciat.
e vi dirigete verso il Teatro (Curci).
Dè iavetèven l’attan e a memm d’ papè,
Lì abitavano il padre e la madre di papà,
dè nge truemm chi cuggèin a sc’què.
Lì ci trovavamo con i cugini per giocare.
Dé f’stggemm i compleenn,
Lì festeggiavamo i compleanni,
dé da criatour nge m’ r’truat grenn.
lì da bambini ci siamo ritrovati grandi.
Quenda recud legat a chedd cas
Quanti ricordi legati a quella casa,
ienn e ienn, mica nu mas.
anni e anni, mica un mese.
Screvenn screvenn mo ma vedé
Scrivendo scrivendo adesso dobbiamo vedere
accom sta matess d’ recurd ma sbrugghielé.
come questa matassa di ricordi dobbiamo sbrogliare.
U virn m’arrecord l’arelogg ca arranav
L’inverno mi ricordo l’orologio che camminava a fatica,
a nonn cu telar mman recamav,
la nonna con il telaio in mano ricamava,
i pid appuggiat au vanghetidd d’ legn,
i piede appoggiati al banchetto di legno,
realezzav chelma chelm nu bell d’segn.
realizzava con calma un bel disegno.
U nonn a legg u giurnal attend attend
Il nonno a leggere il giornale molto attento
ch l’occhial e a lend d’ngrandemend.
con gli occhiali e la lente d’ingrandimento.
S’ segnav tutt i noum di giornalist,
Prendeva nota di tutti i nomi dei giornalisti,
sop all’agend tenav na sorta list.
Sull’agenda aveva una nutrita lista.
Arruav po’ nu cert orerie
Arrivava poi un certo orario
e tenn s’ fermevn ch deic u Reserie
e allora si fermavano per recitare il Rosario.
appecceven a redie e, tutt i dei,
accendevano la radio e tutti i giorni,
srotoleven 50 Ave Marei.
srotolavano 50 Ave Maria.
Sta pac sciav perdout
Questa pace andava persa
quenn arruev'n i n'pout.
quando arrivavano i nipoti.
Quenn nge truemm tre quett cuggein,
Quando ci ritrovavamo in tre quattro cugini,
tenn accumenzav u casein.
allora iniziava la baldoria.
U nonn nge vulav ngandellè ca dam,
Il nonno ci voleva distrarre con il gioco della dama,
a cartelloc e a telev’sion,
con il gioco dell’oca e con la televisione,
ma nou jind a cap t’nemm solamend u pallon.
ma noi nella testa avevamo solo il pallone.
Allor nge mettemm ind a na stenz
Allora ci mettevamo in una stanza
e dè s’apreven i ddenz.
e lì si aprivano le danze.
Ogne tend m’becc all’armedie arruav na staffelat
Ogni tanto arrivava una staffilata contro l’armadio
e da nonn t’ sindiv na scamat.
e la nonna emetteva un grido.
Na scamat ca sendev’n pour i cumbecein,
Un grido che udivano anche i vicini,
quenn cu pallon scattemm a lampadein.
quando con il pallone rompevamo la lampadina.
Po ch fertoun arruav a bella staggion
poi per fortuna arrivava la bella stagione
e nou, tend ch cambié, scequemm au pallon.
e noi, tanto per cambiare giocavamo a pallone.
Non ind a stenz ma sop au terrezz
Non nella stanza ma sul terrazzo
e dé nge devrtemm accom ai pezz.
e lì ci divertivamo come pazzi.          
Sop a logg quend n’ m’ cumbenat,
Sul terrazzo quante ne abbiamo combinate,
m’arrecord Gianlouk semb ca cap spaccat.
mi ricordo Gianluca sempre con la testa scappata.
Na volt stav rat a biclett d fret’m Tonein,
Una volta era seduto dietro la bicicletta di mio fratello Antonio
ca passett accust au mour, ma proprie vecein
che passò vicino al muro, ma proprio vicino
c’ fett, ma nge pins ?
che fatto, ma ci pensi ?
Auendett u spigul du mour inde sins.
Beccò lo spigolo del muro in piena fronte.
Nalt volt stemm a fè i salt chi pit abbagnat
Una volta stavamo facendo i salti con i piedi bagnati
ch lassè u segn andò iemm arruat,
per lasciare il segno nel punto in cui atterravamo,
tuccav a Gianlouk tutt ier prant
toccava a Gianluca tutto era pronto
pegghiett a r’ncars ma u segn nou lassett n’derr,
prese la rincorsa ma il segno non lo lasciò per terra,
su facett m’brand.
se lo fece sulla fronte.
Scett a fenesc sop a panchein d’ merm ca cap
Andò a finire di testa sulla panchina di marmo
pegghiett proprie na bella sdrupat.
prese proprio una bella caduta.
Fret’m Tonein , ch auuandè u pallon, zumbett,
Mio fratello Antonio, per prendere il pallone saltò
u feil ch stenn i penn satt a gol auandett,
prese il filo per stendere i panni sotto la gola
parallal au pavement s’ mettett
si mise parallelo al pavimento
 e d‘ rein n’derr s’n‘ scett.
e cadde di schiena per terra.
M’arrcord a nonn ca s’arrabbiav
Mi ricordo la nonna che si arrabbiava
percè na di sein e iuna non,
perché un giorno si e uno no,
rumbemm i gresst cu pallon.
rompevamo le piante con il pallone.
O pasc ancor percè ch nan ascenn abbesc
O peggio ancora, perché per scendere al piano di sotto
quenn nge scappav p’scemm inde gresst.
quando ci scappava, facevamo pipì nelle piante.
Sop a logg u timb avvulav
Sul terrazzo il tempo volava,
au pallon, c’ nan s’è capeit, quas semb s scequav.
a pallone, se non si è capito, quasi sempre si giocava.
Iei e Antonie, fretm e Gianlouk
Io e Antonio, mio fratello e Gianluca
fein a quenn nan c’ chiamev’n
fino a quando non ci chiamavano
stemm semb sous.
rimanevamo sempre sul terrazzo.
Abbesc scemm solament quenn peteit s faciav sendì
Giù andavamo solo quando l’appetito si faceva sentire
ascennemm i scal
scendevamo le scale
e a nonn nge capsciav preim d’ trasì.
e la nonna ci capiva prima che entrassimo.
«C’ teneit fam e vuleit pan e murtadell,
« Se avete fame e volete pane e mortedella,
avit sci da C’ccill Fiorell».
Dovete andare da Ciccio Fiorella».
Allor auandav a milleir
Allora prendevo mille lire
e a piazza Plebsceit scennav senza frett.
e scendevo senza fretta a piazza Plebiscito.
Dè Cccill Fiorell tenav u chioschett.
Lì Ciccio Fiorella aveva un chioschetto.
Bastian bell bell affetav a murtadell
Sebastiano piano piano affettava la mortadella
ca mech’n a manovell.
con l’affettatrice a manovella.
C’ccill preim scherzav e po a murtadell t’ n’cartav.
Ciccio prima scherzava e poi incartava la mortadella.
Ch cudd profoum arravugghiat ind a chert,
Con quel profumo avvolto nella carta,
turniv n’drat au 38 d’ via Sanda Mert.
ritornavi al 38 di via Santa Marta.
Quann arruiv a nonn i panein preparav,
quando arrivavi la nonna preparava i panini,
po ogne ioun a pert so s’ d’vorav.
poi ognuno divorava la sua parte.
I recurd sand assè e c’ continuam acchessì
I ricordi sono tanti e se continuiamo così
pour nu libbr da sti fett pot assì.
possiamo ricavarne un libro.
Allor strengeim e sciam a sustenz
Allora stringiamo e andiamo alla sostanza
ca chess iè na poesie e non nu romenz.
che questa è una poesia e non un romanzo.
M’arrcord l’armonei du Natal ch 40 crestian
Mi ricordo l’armonia del Natale con 40 persone
i criatour decevn i poesie
i bambini recitavano le poesie
e i grenn abbattev’n i man.
e i grandi battevano le mani.
M’arrcord i cannul ca r’cott, c’ bontè
Mi ricordo i cannoli di ricotta, che bontà
nan faciv attimb a fenesc ioun
non facevi in tempo a finirne uno
ca n’alte vuliv accumnzè.
che ne volevi un altro.
E po’ i b’scott e i dolcitt a past d’ meln,
E poi i biscotti e i dolcetti alla pasta di mandorle,
mich me ne scurdat,
mica me ne sono scordato,
u stom’c aviva tenè e t’n’ putiv fe d’ scorpacciat.
Lo stomaco dovevi avere e potevi fartene di scorpacciate.
M’arrcord e nan m’ par tend timb fè
Mi ricordo e non mi sembra tanto tempo fa
Pesq ca scarcedd da nonn da mangè
Pasqua con le scarcelle della nonna da mangiare
E po a fest da Madonn,
E poi la festa della Madonna,
quenn aspettemm zio Roserie
quando aspettavamo zio Rosario
p’rcè ai giostr n’giavava purtè
perché doveva portarci alle giostre
e nan v’demm l’or ca nge v’nav a p’gghiè
e non vedevamo l’ora che passasse a prenderci.
Ch l’intenzion d’ strusc 20.000 leir partav
Partiva con l’intenzione di spendere 20.000 lire
e po chidd, l’alt e catald strusciav.
e poi spendeva molto di più.
M’arrcord zio Pepp, Ais u pastor tedesch
Mi ricordo zio Peppe, Ais il pastore tedesco
e i can p’ccininn, i figghie d’ Duchess
e i cuccioli figli di Duchessa.
M’arcord zio Merie ca na volt m’ facett nu regalon,
Mi ricordo zio Mario che un volta mi fece un regalone
i preim scherp ch sc’què ou pallon.
Le prime scarpe per giocare a pallone.
Zia Angela ca p’ l’ onomest’c
Zia Angela che per l’onomastico
o pu compleenn nu regal t’avava fè
o per il compleanno un regalo doveva farti
e tou nan v’div l’or d v’della arruè.
e tu non vedevi l’ora di vederla arrivare
Zio R’ggir u pustir cu mandulein a sunè
Zio Ruggiero il postino che suonava il mandolino
e tutt l’alt “Il tango delle capinere” a cantè.
e tutti gli altri che cantavano “il tango delle capinere”
Preim ca accumzat a sbuffè 
Prima che iniziate a sbuffare
e a cap amuccat accom au nonn da pubblecetè,
e piegate la testa come il nonno della pubblicità,
v deich, f’nalment, ca è f’nout sta spatafiat,
vi dico che è finita questa spatafiata,
e c’ ve fett arrecurdè cos bell
e se vi ho fatto ricordare cose belle
signfich ca n’applaus me l’è mer’tat
vuol dire che mi sono meritato un applauso.
Dedica
Chess poesei a c’ nan g’ stè chiù a vogghie ded’chè
Voglio dedicare questa poesia a chi non c’è più
a nonn Totonn e a nonna Ienn
a nonno Antonio e a nonn Anna
ca sa scur nge stann a guardè
che sono sicuro ci stanno guardando
Eppour c’ nan riusceim a v’dell né iei né tou
e anche se non riusciamo a vederli né io né tu
cu recurd poten iess semb mezz a nou.
Con il ricordo possono essere sempre tra noi.
Francesco Prascina
Articolo (p)Link Commenti Commenti (16)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di papagnol (del 30/03/2009 @ 10:58:43, in Barletta nel Cuore, linkato 1299 volte)

Ne abbiamo parlato per oltre una settimana, come noto all'incontro promosso dal Sindaco non si è presentato nessuno dei palazzinari.
Ma siccome non vogliamo che si pensi ce "certe cose" accadono solo a BARLETTA, ecco cosa accade nella ricca e moderna e onestissima MILANO....

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di papagnol (del 28/03/2009 @ 11:03:36, in Papagnol & Friends, linkato 1521 volte)

e TRE!

Dottoressa(alla 3°) Stefania DEFAZIO

e mò Avèst!
(Gli uomini tuoi che tanto ti amano)

p.s. ecco a voi un metodo infallibile per conseguire le lauree

Articolo (p)Link Commenti Commenti (4)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di papagnol (del 27/03/2009 @ 12:25:47, in Impariamo il barlettano, linkato 1309 volte)

L'argomento della nostra nuova lezione di barlettano (in realtà un ripasso di una lezione di grande successo) è ancora quello delle PHRASAL WORDS, ovvero delle parole (o espressioni) che da sole valgono una frase....

Le più indicative sono state: "N?" che è il massimo della sintesi e "MAH?" (vieni un pò qui)

Oggi affrontiamo invece un aspetto più invidioso.. ovvero le PHRASAL PAROL usate nei dialetti vicini alla nostra città e che in qualche maniera ci fanno invidia (ci fanno sentire di fottere) e che ci piacerebbe poter usare...

Alcuni esempi:

A BARI dicono:
Mòòòòòòòòò (che equivale al nostro Madùùùùù, espressione di stupore)
AUàND! (stai attento a....)
Mòkk (a te, a me, a ssord)... traduzione non necessaria

ma c'è una città vicina vicina, con la quale esiste una rivalità cittadina storica, che ci ritroviamo sempre tra i piedi (e i suoi variopinti cittadini pure, o no Mariè?), e che si appresta a diventare "NOSTRA COLLEGA CAPOLUOGO DI PROVINCIA"..
Si, stiamo parlando di ANDRIA, il paese degli ANDRISANI (o dei Vabbùn), dei suoi usi, dei suoi costumi (di cui leggo spesso su internet a proposito di colorazioni di maglioncini, pantaloni e camicie di cui vorrei capire di più)

A parte la loro riconoscibilissima cadenza consistente nello spostare abilmente il punto interrogativo (dòve stai??, còsa fai???... spiegatelo a chi non capisce), ci sono alcune PHRASAL WORD che veramente.... LE TENGO PROPRIO QUI!

  • Aià... (seguito da STE', IA'; VE'), che significa "Dove stai", "Dov'è", "Dove vai" (bellissimo sentire un andriese chiedere di un posto "Aià jà??")
  • C'ddàun Sò?? (che a una prima analisi potrebbe significare "Per caso sono un PIRLA?") ma che invece significa "CHE ORA E'?"
  • e poi c'è l'unica, grande, inimitabile, phrasal word che tutto il mondo invidia (o peggio, che tutto il mondo ripudia):

CIOBA'!
una parola che divide il mondo in 2: gli orgogliosi di essere andriesi e coloro che si vergognano di essere andriesi

Compiti a casa: trovare le altri phrasal paròl dei dialetti vicini a noi (tranese, salinaro, murgiano etc etc.....)

BUON WEEKEND

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di papagnol (del 26/03/2009 @ 09:22:52, in Barletta nel Cuore, linkato 1199 volte)

Per mantenere viva l'attenzione sul problema (ufficialmente sembra che qualcosa si muova), facciamo un riassunto di ciò che il nostro Sindaco Maffei (al quale concediamo fiducia perchè "pare" ci stia provando....) ha detto e fatto nell'ultima settimana, a seguito dell'incursione di PAOLO CALABRESI delle IENE*

COMPRAVENDITE IMMOBILIARI
PRESA DI POSIZIONE DEL SINDACO MAFFEI: “NO ALLE ILLEGALITÀ”

Barletta, mercoledì 18 marzo 2009 Alcuni aspetti del problema casa sono oggetto di questa nota del Sindaco di Barletta, ing. Nicola Maffei :
<Il costo penalizza, certo, ma quando le richieste economiche esondano nell'illegalità, allora tutto diventa più difficile se non impossibile.
Alcune denunce informali pervenutemi in questi giorni hanno posto l'accento su un fenomeno che pare diffuso e che aggrava enormemente la posizione di chi cerca una abitazione.
Sto parlando della richiesta, presentata ad acquirenti, di sottostare al pagamento in nero di una percentuale dell'intero importo dovuto per la transazione.
Condanno fermamente questo atteggiamento che va denunciato alle autorità competenti le quali, se i rumors verranno confermati, potranno contestare reati penali gravissimi che colpiscono non solo chi si vede costretto ad accettare condizioni capestro, ma tutti noi.
Quante risorse si rivelerebbero sottratte al fisco se dovesse essere confermata dai fatti questa devastante abitudine e, conseguentemente, quanti servizi essenziali - come la sanità, la sicurezza, gli ammortizzatori sociali - risulterebbero penalizzati?
A tal proposito, ho ritenuto doveroso convocare per la prossima settimana un incontro con gli imprenditori edili, le associazioni e i presidenti delle cooperative affinché vigilino e si facciano garanti del pieno rispetto della legalità, contribuendo a restituire fiducia a chi si accinge, non senza sacrifici, ad acquistare un'abitazione.
Ringrazio sin d'ora i mass media che si stanno interessando alla questione, facendo in modo che non vi cada sopra un velo d'indifferenza e di normalità che non può che scandalizzarci>>.

Barletta, 25 marzo 2009 E’ stato convocato per venerdì prossimo, 27 marzo, con inizio alle ore 17,00 presso la parrocchia del SS. Crocifisso, l’incontro, voluto dal Sindaco Maffei, per conoscere la reale situazione sulle compravendite immobiliari a Barletta.
<Le Iene”, - ha affermato il Sindaco - in questi giorni si è molto discusso del fenomeno del pagamento in nero di una percentuale dell’intero importo contrattato nelle compravendite immobiliari. Ritengo mio preciso dovere, in qualità di primo cittadino, fare chiarezza su questo argomento così delicato e complesso anche al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica e le autorità competenti conseguendo le finalità della legalità e trasparenza>>.
All’incontro sono stati invitati 85 presidenti di cooperative, 41 imprese di costruzioni, le Forze dell’Ordine, il Direttore dell’Agenzia delle Entrate, l’Associazione antiusura “Uniti per l’Affermazione della Legalità”, l’UCID, il presidente dell’Associazione ingegneri BAT e l’Associazione “Fraternità per la casa"

Non resta che attendere quello che succederà domani.
Al di là delle "stupidaggini" che verranno dette (o non dette) domani (dove di sicuro verrà illustrato il problema e nessun costruttore probabilmente prenderà la parola), una cosa il Sindaco può farla, e già domani:
Avviare il cantiere di AutoCostruzione richiesto dall'associazione "Fraternità per il diritto alla Casa".
Per questo non ci vogliono denunce, non ci vogliono indagini su richieste a NERO, ci vuole solo "BUONA VOLONTA'"

A presto con le news

Vi lascio con una canzone che "mette di buon umore" (voleva essere "Mezzogiorno" di Jovanotti... ma il video non è incorporabile sui siti.. scèss a ffengòul jìd e tutt'a rèzz soi)
AVETE MAI VISTO LA PIOGGIA CADERE IN UN GIORNO DI SOLE??

*per i fan della serie TV "BORIS" (la migliore serie TV mai realizzata in Italia, guardare per credere), Paolo Calabresi è il mitico BIASCICA (pr. Biàscica), il capo elettricista.

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2


Titolo
A fotografei (1)
Barletta nel Cuore (36)
BARLETTA NEL MONDO (7)
Comunicazioni (7)
Dalla nostra inviata a Barletta (4)
Gino Pastore (4)
Impariamo il barlettano (26)
INIZIATIVE by Papagnol.com (18)
Io Sono Barlettano (47)
L'angolo della fotografia (3)
Papagnol & Friends (43)
Saggezza Barlettana (13)
Storia di Barletta (4)
UNO A ZERO "PALLA AL CENTRO" (2)

Catalogati per mese:
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
I like you post. Very wel...
15/12/2018 @ 11:52:25
Di Alexa
I like you post. Very wel...
15/12/2018 @ 11:51:05
Di alexa
Truly nice post I like th...
08/12/2018 @ 09:02:42
Di justin hales
All of the above mentione...
12/10/2018 @ 12:01:47
Di Sophie
Check Link[URL=http://www...
21/09/2018 @ 13:49:25
Di Rkman Tiwari

Titolo
[ FIRMA ANCHE TU ]

 


la tua foto UNOaZERO sul Blog

L'album di PJ-Stefano

PAPAGNOL è anche su MYSPACE


Cerca per parola chiave
 

< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           


Ci sono 548 persone collegate

Titolo
Nessun sondaggio disponibile.


17/12/2018 @ 14:01:42
script eseguito in 83 ms



Layout design by eStrix
distributed by:
pinkpowder : templates