\\ Home Papagnol : Articolo : Stampa
Lezione 0: INTRO
Di papagnol (del 22/04/2008 @ 09:23:08, in Impariamo il barlettano, linkato 1273 volte)

Buongiorno a tutti, da oggi iniziamo il corso di lingua barlettana dedicato a quelli che hanno ancora qualche dubbio sulla pronuncia, sulla coniugazione e sulle regole di traduzione dall'italiano al barlettano.

Con l'aiuto del libro del Prof Digaeta ("Elementi di grammatica del dialetto barlettano") proviamo a fare luce sulla grammatica nostrana, provando a trovare un metodo per poter imparare il nostro dialetto. La parte bella sarà appunto quella di capire se esiste un "METODO" per insegnare il barlettano

Ovviamente non c'è miglior metodo se non esercitarsi e parlare, ma questo vale per tutte le lingue, come per il mediatore (per il quale non serve conoscere le regole, bisogna saper giocare... e avèst!"

Ovviamente mi avvarrò della collaborazione dei maestri Francìsk, Tatòre, Manu e MbaMichele che (come tutti voi) potranno contribuire ad arricchire tutte le lezioni con altri elementi, esempi e regole...

PROVIAMOCI

LEZIONE "ZERO": alcune considerazioni di storia

 Barletta ha sempre avuto 3 forme dialettali: quella del rione marinaro, quella del centro e quella del rione contadino.

Con il trascorrere degli anni in realtà le forme dei due rioni periferici si sono fuse perchè le differenze erano minime, soprattutto nella modulazione dei suoni. Quindi si può dire che fino a qualche decennio fà le forme dialettale erano due (centro e periferia), che si sono poi a loro volta piano piano fuse fino a diventare il dialetto barlettano che parliamo oggi tutti, salvo qualche eccezione nel borgo marinaro o contadino dove occasionalmente si possono sentire termini e suoni a noi strani

Un esempio su tutti è l'annosa questione del nome dialettale di BARLETTA, che i contadini e i marinai continuano ancora a chiamare Varrètt mentre ormai tutti diciamo Barlètt che era la forma dialettale del CENTRO.

ALTRI ESEMPI ESPLICATIVI? Eccoli:

  CENTRO PERIFERIA
La pompa 'a pòmb 'a pàmb
La botta 'à bbòtt 'a bbàtt
La botte 'à vòtt  'à vàtt
La corsa 'a còrs 'à càrs
sotto sòtt sàtt
diciotto d'ciòtt d'ciàtt
 la macchina 'à màch-n 'a mèch-n 
 la bilancia 'à v'lànz  'à v'lènz 
 la mamma 'a màmm  'a mèmm 
 sta (da stare) stà  stè 
 la paglia 'a pàgghij  'a pègghij 
 aspettare asp-ttà  asp-ttè 
 papà tatà  tatè 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come si vede il vecchio dialetto del centro somiglia un pò al salinaro o al tranese, invece i suoni a noi più familiari provengono sicuramente dalle forma dialettali periferiche.

Il compito per casa di oggi è cercare, ovviamente, altri esempi di differenza tra le forme dialettali del centro e della periferia

La canzone di oggi per l'esercitazione di "LISTENING" è Sòp a SantaMarèij che parla del rione marinaro di un tempo non tanto lontano:

Sòp a Santa Marèj, u ppàn s pòrt 'ò furnàr

Sòp a Santa Marèj, l'addòr l'addòr d'ù màr

Sòp a Santa Marèì, Marèi spènn i pènn 'ò balcòn, chènd na vecchià canzòn

Na ghètt dòrm 'ò candòn, cuss iè u paièis d'Arè

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.
powered by dBlog CMS ® Open Source