Vota per intitolare:

Google
 

dBlog piattaforma CMS Open Source per Blog
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di papagnol (del 23/09/2008 @ 10:45:26, in INIZIATIVE by Papagnol.com, linkato 2508 volte)

Riportiamo con grande gioia un'anticipazione offerta dal nostro blog-amico ENZO DELVECCHIO, a proposito di una delle nostre iniziative.

UNA STRADA A PIRIPICCHIO... (voti raccolti 479)

dal blog di ENZO DELVECCHIO


Per la gioia di
Papagnol e di tutti coloro che hanno firmato la petizione per l’intitolazione di una ”via” a Michele Genovese (in arte Piripicchio), vi comunico in anteprima che la Giunta Comunale, qualche giorno fa, ha adottato il provvedimento di accoglimento della proposta. La scelta della strada, inizialmente pensata tra via degli Orti e via Brigata Barletta, è ricaduta in un piccolo tratto di piazza Castello, dove tra l’altro il grande comico è nato (p.zza Castello,5) e dove qualche tempo fa il celebre cantastorie Barlettano, Gino Pastore, fece apporre una targa dedicata alla sua memoria. All’indomani dell’approvazione da parte della Prefettura di Bari (come vuole la prassi), saremo felici di esser tutti presenti alla cerimonia di scopertura della targa toponomastica, dedicata a un artista che ha dato tanto lustro alla nostra amata Barletta.

Ironia della sorte... proprio ieri sarebbe partita da questo sito una petizione seria, visibile alla vostra destra un pò più giù, con la quale avremmo ufficialmente richiesto alla nostra amministrazione l'intitolazione di una strada.

Vi chiedo comunque di sottoscrivere la petizione, che raccoglie stavolta delle vere e proprie firme, che ci piacerebbe consegnare a fine anno ai nostri amministratori, a testimonianza di un'iniziativa che il POPOLO BARLETTANO ha voluto sottoscrivere

PER LA PETIZIONE CLICCATE SULL'IMMAGINE QUI SOTTO

 

ANNUNCIAZIONE ANNUNCIAZIONE

Il nostro sito DOMANI è in festa!
Il nostro amico GIUENN si sposa, Papagnol.com festeggia e augura "u mègghie" a GIUENN e alla sua bellissima sposa ANNA (Iannèin)!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (15)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Manu (del 20/09/2008 @ 14:31:44, in Saggezza Barlettana, linkato 4024 volte)

ULTIM'ORA sul blog di ENZO DELVECCHIO!
CLICCATE TUTTI E ANDATE A VEDERE..... un pò facciamo finta che è anche merito nostro
PAPAGNOL! (scusate l'intrusione ma è importante)

VALERIA DA BERGAMO ci scrive per risolvere questo dilemma:

"Perchè si dice tirarsi la calzetta?Da dove deriva?Il significato è chiaro per tutti noi...ma perchè si dice così?"

Si tira la calzetta, in generale, chi vuol fare il prezioso. 

Ma l'espressione si usa soprattutto per indicare le donne che non cedono alla corte dei loro spasimanti.

Ma perchè proprio la calzetta???

Aiutiamo la Valeria, nè!

Buon weekend!

E non dimenticate il megaderby del Puttilli

BARLETTA - ANDRIA

Articolo (p)Link Commenti Commenti (6)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di papagnol (del 19/09/2008 @ 09:21:34, in Impariamo il barlettano, linkato 1663 volte)

Come promesso, completiamo l'argomento sul cambiamento di genere (dal femminile al maschile e viceversa) nei vocaboli barlettani, con i vocaboli che non sono letteralmente mutuati al genere opposto (la scarpa = lo scarpo), ma che cambiano, cambiando anche il vocabolo.

Tanti di questi esempi sono già stati scritti da alcuni di voi, eccoli qui:

LA SILLOCA (a s'llòch): Il cartello AFFITTASI (manu)
LA ZANNA: L'angolo della strada (ildivanetto)
LA PEDIVELLA: Il pedale (ildivanetto)
LA ZOCCOLA: Il topo (ildivanetto)
LA CHIANELLA: il sandalo (ildivanetto)
LA BUATTA: il barattolo (mbamichele)
LA LOGGIA: il terrazzo (valeriadabergamo)
LA SGARRASSA: lo spiffero (valeriadabergamo)
LA CACCIOLA: il vento (valeriadabergamo)
IL BAGUGLIO: la cassa da morto (valeriadabergamo)
LO SFOGGHIO (u sfùgghij): la buccia (valeriadabergamo)
IL LACCIO: la collana (valeriadabergamo)
LA GRANATA: il melograno (mbamichele)
LA TIANELLA: il tegame (mbamichele)
LA PUNTINA: il chiodo (mbamichele)
IL FITO (u fìd): la puzza (nuccia)
LE TROZZOLE: lo sporco (nuccia)
LA CAPISCIOLA: il nastro (mbamichele)

a voi.... buon fine settimana!

P.S. attualmente è ferma la raccolta per cercare di intitolare una strada barlettana a PIRIPICCHIO. Nei prossimi giorni rilanceremo l'iniziativa in modo "SERIO", stavolta con una vera petizione web-popolare. Non cambiate canale!

Chi non resta su papagnol.com è un andrisano!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (14)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Manu (del 15/09/2008 @ 09:00:00, in Impariamo il barlettano, linkato 1893 volte)

Amici di Papagnol, quest'oggi vi proponiamo un'altra lezione di barlettano vivo.

Non vi sarà sicuramente sfuggito che il nostro dialetto spesso trasforma il genere dei sostantivi rispetto all'italiano.  In pratica, ciò che è maschile diventa femminile e viceversa.

Un esempio? L'oggetto che normalmente usiamo per misurare il tempo, l'orologio, in tutta Italia è di genere maschile.  Ebbene, a Barletta ti devi comprare a' r'logg. (la riloggia)

Il sogno di tutte le ragazze vacantine? L'anella, ('a nìd) naturalmente!

La morte del pane e pomodoro di ritorno da una giornata di mare? Una spolverata di aricana.

E l'elenco può continuare:

Rosamarina: il rosmarino

Fica: frutto estivo

Pìll'no: pillola

Aspirapolvere: a Barletta ci si rivolge a lui come se fosse una lei (Marì, l'hai passata l'aspirapolvere?)... ( in dialetto "A 'sp'rapàlv")

Ascensore: come per l'aspirapolvere (in dialetto "A 'scensòr")

Scarciofila: carciofo

Cucchiara: cucchiaio

Goliera: il collier, per l'uomo è il laccio.

Scarpo: calzatura al singolare

Pettinessa: pettine

Guardio: vigile urbano, guardia

La Vesta (o la Vestina): il vestito (per lo più femminile)

La Bermuda: i bermuda

La BBari: la squadra di calcio del capoluogo pugliese

La Mutanda: dal plurale al singolare

L'Amburga: l'hamburger

La Gatta: il gatto

La Frandilòra: l'alloro

La Libbretta: Il libretto di risparmio

La Scaravàscia: Lo scarafaggio

La Sgammessa: Lo sgambetto

La Summenta: Il seme

Ne ricordate altri?

CERTO (dai nostri amici):
IL PROMO: la prugna (ildivanetto)
LA FANOVE: il falò (ildivanetto)
LA RESTA: il resto (mbamichele)
U CIABETT: la ciabatta (ziamariella)
'A CEIT: l'aceto (come l'aspirapolvere e l'ascensore) (papagnolo)
LA VUCELLA (a vucìd): L'uccello (mbamichele)
IL MARANGIO (u marèng): L'arancia (papagnolo)
LA FANOVA (a fanòv): Il Falò (ildivanetto)
LA RECCHIA (a rècchie): L'orecchio (manu)


U MUTEND: le mutande (ziamariella) che anticipa l'argomento:
I plurali al singolare e viceversa (u calzòn, le legne, etc etc...)
.... ma questo lo vedremo la prossima volta.

da oggi torniamo a occuparci di Cose da Papagnol.com!

Manu & Papagnolo

Articolo (p)Link Commenti Commenti (19)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di papagnol (del 12/09/2008 @ 08:28:11, in Barletta nel Cuore, linkato 1150 volte)

NON DIMENTICARE MAI (post lungo e bello)

Il 12 Settembre 1943 è una data tristemente storica per la città di Barletta.
Quel giorno, a seguito di una rappresaglia dei tedeschi che allora occupavano la nostra città, 4 giorni dopo l'armistizio con gli angloamericani, nel luogo che oggi porta il triste nome di PIAZZA CADUTI, 13 uomini (netturbini e vigili urbani) furono ferocemente fucilati dai tedeschi per una schifosa vendetta nei confronti della nostra città....

La storia ci racconta anche di un sopravvissuto (FRANCESCO FALCONETTI), che si finse morto sotto i corpi dei suoi fratelli uccisi...


IL FATTO:
12 settembre. I tedeschi, vista l’accanita resistenza degli italiani, decidono un’azione di forza. Alle sette sbucano dal mare a volo radente, i "caccia" nemici. Sanno dove sono sistemate le batterie contraeree italiane e le colpiscono inesorabilmente. E’ un attacco a sorpresa. In pochi minuti gli aerei tedeschi distruggono la gran parte delle artiglierie del porto, del Castello, delle Casermette. Viene resa inutilizzabile anche la famosa 132 che il giorno prima aveva loro sbarrato la strada sulla via del Camposanto. Vengono colpite abitazioni, chiese ed altri obiettivi civili. Barletta resta praticamente indifesa. Alle 8 non c’è persona viva per le strade. Il silenzio è profondo, assoluto. Lo rompe soltanto, di tanto in tanto, il fragore dello scoppio di una bomba e il grido di chi ne è colpito.

Mezz’ora dopo carri armati e automezzi blindati entrano in una città che ormai non fa più resistenza. L’ultimo ostacolo che hanno dovuto superare è stato sull’Ofanto, dove una batteria italiana li ha costretti ad un duro combattimento. Ma sono superiori di numero e di mezzi e vincono lo scontro. Ci si accorge subito che i tedeschi sono cambiati, che la lotta del giorno prima e, soprattutto, l’uccisione degli ufficiali in piazza Roma li ha scatenati. Sono assetati di vendetta, decisi persino al saccheggio. E’ la prima volta che gli italiani li vedono così, ma non sarà l’ultima. Saccheggi, vendette, rappresaglie, terrore, in molte zone d’Italia incominceranno adesso e dureranno venti mesi.

Mentre la guarnigione si arrende (il colonnello Grasso e gli ufficiali saranno deportati in Germania), una colonna di tedeschi raggiunge piazza Roma. Sparano raffiche di mitra contro le persiane e le porte delle case, se hanno l’impressione che dietro ci sia qualcuno. Alcuni civili sono uccisi. In piazza Roma, dove il giorno prima c’era stato lo scontro con gli ufficiali, non trovano nessuno; allora si dirigono verso piazza Monumento, poche decine di metri più in là. Qui sull’angolo di via De Nittis con via Cappuccini, che sbuca nella piazza, c’è un piccolo ufficio al pianterreno di una vecchia casa. Due stanzette che fungono da comando dei vigili urbani.

In servizio, quella mattina, ne sono presenti dodici, compreso il maresciallo Capuano che li comanda. Con loro ci sono pure due netturbini rifugiatisi nell’ufficio quando sono scoppiati i bombardamenti. Gli altri vigili, con qualche scusa, sono rimasti a casa. Hanno fiutato il pericolo. I loro colleghi più scrupolosi pagheranno con la vita il loro senso del dovere. Alle 9 i carri armati tedeschi sbucano in piazza Monumento. I vigili nascondono le pistole. Quando una pattuglia nemica entra nell’ufficio li trova inermi e disarmati. Non c’è alcun motivo per accanirsi si di loro, ma i tedeschi hanno deciso. Vogliono vendicarsi della morte dei loro ufficiali e della resistenza incontrata il giorno prima. Li costringono ad alzarsi e a strattoni li fanno uscire sulla piazza. Vengono messi contro il muro dell’edificio che ospita la direzione delle Poste. Nell’ordine da sinistra ci sono i vigili Antonio Falconetti, Pasquale Del Re, Luigi Gallo, Vincenzo Paolillo, Gioacchino Torre (assunto quaranta giorni prima), gli spazzini Luigi Jurillo e Nicola Cassatella e poi ancora i vigili Pasquale Guaglione, Michele Spera, Francesco Gazia, Sabino Monteverde, Michele Forte e Francesco Falconetti. Il maresciallo lo lasciano andare.

Un tragico bilancio
Arriva un fotografo. La scena viene ripresa alcune volte, con tanta insistenza che i tredici, prima terrorizzati, incominciano a rassicurarsi. Pensano, forse, ad una montatura dei tedeschi per farli passare come dei prigionieri militari. Poi, all’improvviso, un ufficiale da ordine alle mitragliatrici, piazzate sul marciapiede opposto, di sparare. Le prime raffiche esplodono tra urla di dolore e di terrore. Uno dei vigili riesce a scappare, svolta l’angolo di via Cappuccini, ma qui viene inchiodato da alcuni colpi sparati con il mitra da un soldato. Michele Spera, seppur colpito alle gambe, attraversa con un balzo la strada e si butta contro gli aguzzini. Lo troveranno, tutto perforato di colpi, sdraiato su una delle mitragliatrici.

I tedeschi soddisfatti della strage se ne vanno subito, lasciando i cadaveri come sono caduti, "per dare un esempio". Così salvano la vita a Francesco Falconetti, il quale , colpito alle gambe, era crollato a terra tra i primi. I suoi compagni gli sono piombati addosso, coprendolo. Un po’ svenuto e un po’ cosciente, il povero vigile resterà, ferito, per quasi quattro ore sotto quel cumulo di cadaveri. Solo quando le mogli dei morti arriveranno, urlando e piangendo, con dei carretti per portarsi via i corpi dei mariti, il sopravvissuto potrà essere liberato e portato all’ospedale (è morto qualche anno fa, stroncato dalla malattia al cuore contratta quel giorno). I tedeschi restano a Barletta fino al 24 settembre, quando la città viene occupata dai soldati inglesi, canadesi e neozelandesi, preceduti da una motocicletta con due militari italiani.

ALCUNI DOCUMENTI:
CONFERIMENTO MEDAGLIA D'ORO ALLA CITTA DI BARLETTA (7 luglio 2003)
Sito RESISTENZA a BARLETTA
Video: La battaglia di BARLETTA

 

DOWNLOADS:
LIBRO:
8 settembre 1943: L'armistizio di Barletta (quello che non è stato detto, PDF)
LIBRO:
La resistenza di un soldato da Barletta allo Stalag 367 (diario del colonnello Grasso, PDF)
Testi:
Cheda dei d S'ttèmbr, poesia in dialetto inviata a Papagnol.com da FRANCESCO
Canzoni:
12 Settembre 1943, di Gino Pastore (PLAY)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (12)  Storico Storico  Stampa Stampa
 


Titolo
A fotografei (1)
Barletta nel Cuore (36)
BARLETTA NEL MONDO (7)
Comunicazioni (7)
Dalla nostra inviata a Barletta (4)
Gino Pastore (4)
Impariamo il barlettano (26)
INIZIATIVE by Papagnol.com (18)
Io Sono Barlettano (47)
L'angolo della fotografia (3)
Papagnol & Friends (43)
Saggezza Barlettana (13)
Storia di Barletta (4)
UNO A ZERO "PALLA AL CENTRO" (2)

Catalogati per mese:
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
+BEautiful work of art
21/05/2019 @ 08:37:22
Di Kudi
Dynamic and Best PPC Com...
16/05/2019 @ 09:13:21
Di Samita
local search engine opti...
14/05/2019 @ 13:52:59
Di Samita
Thanks for posting its re...
09/04/2019 @ 14:47:10
Di web designing company
Awesome post
07/04/2019 @ 14:28:19
Di kuldeep

Titolo
[ FIRMA ANCHE TU ]

 


la tua foto UNOaZERO sul Blog

L'album di PJ-Stefano

PAPAGNOL è anche su MYSPACE


Cerca per parola chiave
 

< giugno 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             


Ci sono 76 persone collegate

Titolo
Nessun sondaggio disponibile.


19/06/2019 @ 08:43:19
script eseguito in 106 ms



Layout design by eStrix
distributed by:
pinkpowder : templates