Vota per intitolare:

Google
 

dBlog piattaforma CMS Open Source per Blog
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di Francisk (del 19/02/2010 @ 15:04:36, in Papagnol & Friends, linkato 2467 volte)

 

Mi siedo a fatica accompagnato da forti dolori alle ginocchia.

Sul foglio che mi hanno rilasciato all’accettazione, il tempo di attesa indicato è di circa due ore.

Non mi spaventano le due ore ma quel circa. Avessi almeno qualcosa da leggere…

La sala d’attesa è piena, ma tranne una signora che si regge l’avambraccio destro ed ha il viso contratto per il dolore, le altre persone non mi sembrano particolarmente sofferenti.

Volevo evitare il pronto soccorso, ma visto che il mio medico di base si è dato alla latitanza, a quanto pare in compagnia di molti colleghi, non ho avuto altra scelta.

Tiro un bel sospiro e cerco di rilassarmi.

Il cellulare vibra.

Bustina sul display.

Leggo – Un uomo di mare come te con gli sci… mah… Scherzi a parte, mi dispiace, riprenditi presto. Stefano  

Altra vibrazione.

Altra bustina.

Leggo – Oè, omo de mare ! Azzo vai in montagna se te si mia bù… J. Mauro & C.

Sorrido all’idea che al mio rientro a lavoro mi toccherà una buona dose di prese per il culo.

Altra bustina e sono 3
Leggo - Accidenti ! Speriamo nulla di grave. riguardati. Ciao Marco

Certo, se a 37 anni ci si mette in testa di imparare a sciare e fino a qualche anno prima la massima pendenza vista è la coppa d’Andria, l’incidente bisogna metterlo in preventivo. Comunque il motivo di questa botta di temerarietà c’è, ha 9 anni ed è alto un metro e trentacinque centimetri.  Condividere un interesse con mio figlio non ha prezzo, si possono rischiare menischi, legamenti e poi, per tutto il resto, c’è il pronto soccorso.

Già che devo rispondere agli SMS, almeno ho qualcosa da fare.

Mentre digito sulla tastiera del cellulare, si apre la porta scorrevole e chiamano il mio numero.

Ma come?

E le due ore d’attesa?

E il circa ?

Felice per questa sorpresa mi alzo di scatto dimenticando il problemino alle ginocchia.

Dooooloooore !!!

L’infermiere sarà alto un metro e sessanta al massimo, sorride ed ha una bella faccia abbronzata. Mi accompagna in una stanza e mi chiede di aspettare l’ortopedico.

Rimango solo e non posso far altro che leggere le etichette dei vari cassetti e compiacermi dell’ordine e della pulizia che regnano sovrani.

Dopo circa dieci minuti arriva un bel pezzo di ortopedica il che, di certo, non guasta.

Sbrigativa mi chiede dell’incidente, di indicarle i punti dove sento dolore e di tirarmi giù i pantaloni. Obbedisco, lei preme sull’interno delle mie ginocchia facendomi sobbalzare, chiaramente per il dolore.

-         E’ il caso di fare una bella radiografia – dice – adesso l’infermiere l’accompagna in sala raggi.

Tiro su i pantaloni e arriva l’infermiere.

-         Luigi per cortesia accompagna il signore in sala raggi.

Luigi annuisce.

Sempre con il solito sorriso, l’infermiere mi chiede se riesco a seguirlo o se deve procurarsi una sedia a rotelle. Gli comunico che posso farcela, sempre che non si metta a correre. Ride.

Entrati in ascensore, Luigi legge dai fogli che ha in mano che sono nato a Barletta e il suo sorriso si allarga. Mi dice che lui e di Gallipoli e scopriamo di essere a Bergamo entrambi dal 1999. Quest’uomo mi è sempre più simpatico.

Mi fa accomodare, in attesa della radiografia. Tre persone sono in piedi nonostante due posti, uno alla destra e l’altro alla sinistra di un ragazzo di colore, siano liberi. Mi avvicino al ragazzo e lui cortesemente con la sua manona bicolore mi invita ad accomodarmi. Ha la scarpa slacciata, intuisco si tratti di un problema alla caviglia, sto per chiederglielo ma il ragazzo nel frattempo ha chiuso gli occhi, ha girato i palmi delle mani verso l’alto e, dal movimento delle labbra, sembra stia pregando. Ad interrompere questo momento mistico arriva il sorriso di Luigi.

- Forza Ayo siamo pronti per i raggi.

Quest’omino vestito di verde sta rapidamente scalando la mia personale classifica di gente simpatica.

Due delle tre persone in piedi si siedono. Pezzi di merda penso. Dopo una ventina di minuti il simpatico infermiere sostenendo il ragazzo di colore esce dalla sala raggi e mi dice che è arrivato il mio turno. Mi alzo di scatto lasciando il posto ad Ayo. Doooolooore !!!

-         Ayo siediti qui, aspettiamo le lastre – dice Luigi.

-         Certo che Ayo per uno che zoppica è un nome azzeccato – dico

Ridiamo in due, ma l’infermiere comincia a zoppicare ripetendo Ayo Ayo e allora anche il nostro amico di colore ci mostra i suoi denti bianchissimi.

All’interno della sala raggi una signorina mi chiede di togliere i pantaloni e di sdraiarmi.

Mi distendo e lei sapientemente mi mette in posizione, chiaramente per la radiografia.

Dopo dieci minuti sono fuori e Ayo e ancora lì, mi siedo accanto a lui non sorprendendomi del fatto che quel posto sia libero. Mi presento e gli chiedo se si è fatto male lavorando. Mi aspetto una risposta affermativa anche perché, sotto un giubbotto malconcio, intravedo una specie di tuta da lavoro. Lui mi fa un sorriso triste, rivolge la sua faccia verso la mia e mi accorgo che è piena di graffi.

In un italiano molto stentato mi racconta di essere stato aggredito durante la notte da tre ragazzi marocchini.

Mi spiega che sta cercando lavoro e che di notte va al dormitorio della Caritas. Ieri sera si era lamentato con i volontari del dormitorio perché un ragazzo marocchino lo infastidiva con la musica non lasciandolo dormire. Il casinsta, ripreso dai volontari, lo aveva minacciato e la cosa sembrava finita lì. In piena notte in tre lo avevano malmenato e mentre due lo tenevano fermo, il terzo gli aveva ruotato la caviglia oltre il limite consentito dall’articolazione.

E si caro mio mi dico, mentre tu dormi nel tuo comodo lettone, non riconoscendo la tua grande fortuna, la vita, vigliacca, si accanisce contro chi sta già vacillando.

-         Io sono qui per lavorare – mi dice quasi giustificandosi.

-         Devo mandare i soldi in Africa per mia moglie, mia suocera malata e per i miei due bambini. Devo andare a Milano – mi mostra il biglietto – ma ora come faccio?

Ascolto le sue parole perdendomi nei suoi occhi neri velati di grande tristezza. Vorrei dirgli tante cose, ma riesco solo a stringergli la mano e, mentre Luigi mi chiede nuovamente di seguirlo, a fargli un in bocca al lupo. Lui mi saluta portandosi la mano sul cuore.

L’infermiere salentino mi spiega che non c’è nulla di rotto, bastano una decina di giorni di riposo e tornerò come nuovo. E già, mentre io potrò stare a casa tranquillo e coccolato usufruendo dell’indennità di malattia, Ayo non potrà lavorare per chissà quanto tempo e nessuno si occuperà di lui. Mentre sono preso da questi pensieri, Luigi mi dice:

        Non sei contento di non esserti spaccato nulla?

Non faccio in tempo a rispondergli.

        So a cosa ti passa per la testa, la storia di Ayo è davvero triste, pensa che ‘sti cazzo di leghisti vorrebbero che denunciassimo questa gente. Questo accade quando si etichetta la persona che ti sta difronte e si perde di vista l’uomo, i suoi occhi, le sue mani, il suo cuore.

Gli stringo la mano con una presa decisa che sottolinea il profondo apprezzamento per le sue parole, mentre ormai Luigi entra di diritto nel mio personale elenco di uomini con la U maiuscola.

Ci lasciamo con un sorriso.

Rimango per 20 minuti fuori dal pronto soccorso sperando invano di rivedere Ayo.

Mentre guido verso casa, ogni cambio di marcia mi provoca dolore, ma sono troppo occupato a pensare di essere un pezzo di merda come quelle persone che hanno preferito rimanere in piedi, anziché occupare un posto accanto ad un extracomunitario. Avrei potuto fare di più per Ayo, avrei potuto chiedergli il numero di cellulare, cercargli un lavoro tramite amici e conoscenti, dargli semplicemente del denaro. Non ho fatto nulla e ora sono qui nel mio letto e non riesco a togliermi dalla mente i suoi occhi, prego Dio, non importa se il mio o il suo, e mi vengono in mente le parole di Smisurata Preghiera

“non dimenticare il loro volto
che dopo tanto sbandare
è appena giusto che la fortuna li aiuti
come una svista
come un'anomalia
come una distrazione
come un dovere”.

   

P.S. questo non è un racconto inventato ma l’esatta descrizione di quanto mi è successo mercoledì 17 febbraio 2010

  

Articolo (p)Link Commenti Commenti (6)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di papagnol (del 15/02/2010 @ 21:46:55, in Io Sono Barlettano, linkato 1407 volte)

Qualcuno giura di averlo visto a MILANO in un quartiere "bene" della zona Porta Vittoria, è ancora molto giovane e bello e si diverte ancora a fare impazzire le ragazze....

Voi che dite, è LUI?

a Carnevale 2010 PJ voleva indossare il costume di PIRIPICCHIO appartenuto a suo zio, ma il risultato somiglia di più a SILVAN! (simsalabim!)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di papagnol (del 30/12/2009 @ 10:26:57, in Barletta nel Cuore, linkato 1779 volte)

UN ANNO FA ERAVAMO NOI
29 Dicembre 2008

IL CONCERTO INTEGRALE DI GINO PASTORE "incastrato" nel sito PAPAGNOL.COM

OGGI AUGURI A NOI R'GGìR

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di papagnol (del 23/12/2009 @ 19:06:23, in Comunicazioni, linkato 2704 volte)

Come ogni anno, i giovani frastieri si incontrano sotto Natale....

Capita che ad una certa età si parte. E si va fuori di casa.
Ogni tanto, periodicamente, in quella casa però si ritorna.

Capita, sempre in questo periodo, d’incontrarsi.
Per caso, o volontariamente.

Noi perseguiamo la seconda scelta.
Perché più comoda, e più bella. Forse...


Sabato 26 DICEMBRE
(dalle 18:00 dopo il brodo di santo stefano)
Autre Chat Noir
Piazzetta Pescheria 3, Barletta.

djset:
o
rmeye



Lavoratori, studenti, pensionati, cassaintegrati, e per qualche ragione attualmente fuori dalla propria città.
Noi ci incontriamo là.
Se voi venite, siamo ancora più contenti.


FALLA GIRARE A TUTTI I "BARLETTANI DI FUORI" E NON



powered by:

Gli Amici di Chicca
     &        Molto Bene


L'Autre Chat Noir




...a volte ritornano...

AND Benedìsciòn by
Papagnol.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di papagnol (del 16/12/2009 @ 11:48:06, in Io Sono Barlettano, linkato 4104 volte)

Siòre e Siòri, un grande regalo per tutti voi, soprattutto per quelli che sono lontani da Barletta e non possono comprare tutti i giorni i Taralli di PapàMimì, di Ester, di Paolillo, al Mattone, di PatroPìo, etc etc

Dopo aver visto su Facebook tentativi più o meno validi dei frastieri nel prepararsi le Frìttile della Macolata (che non se ne può fare a meno), ecco a voi la Ricetta, PROVATA, a prova di bilocale milanese (dove se friggi la casa ti puzza di fritto, vestiti compresi, per 10 giorni).
Esclusa dunque la possibilità di fare le frittelle (Please don't frigg in my house) il vostro Papagnolo ha voluto stupirSi-Vi

Vi presentiamo dunque, per le vostre feste natalizie, la ricetta origgginale (testata) dei prossimi famosissimi:

TARALLI di PAPA' GNòL (ricetta provata e documentata per voi)
Ingredienti: 600 gr di farina (se volete anche integrale), 3 dl di vino bianco, 1,5 dl di olio di oliva, una ciambata di sale, una ciambata di pepe, una bustina di lievito in polvere (o un mezzo cubetto di lievito di birra)

Procedimento: In una ciotola impastare la farina con il lievito, il sale e il pepe (chi vuole può menare il seme di finocchio), e versare il vino e l'olio (che devono essere caldi). Impastare tutto fino ad ottenere la classica palla elastica, quasi asciutta e senza grumi. Eventualmente al solito si aggiusta con la farina o l'acqua.

Lasciate riposare 10-15 minuti se usate il lievito istantaneo o un'oretta se usate il lievito normale.
A questo punto iniziate a staccare i pezzi di pasta e li lavorate a mò di salciccioto dello spessore di mezzo cm circa. Staccate dunque i pezzi della lunghezza voluta e formate i taralli richiudendoli in alto (vedi foto con prezioso aiutante stendi pasta)

Il più è fatto:
ora dovete immergere i taralli in acqua salata bollente e tirarli fuori man mano che vengono a galla.

Man mano che li tirate fuori (con una schiumarola) li poggiate ad asciugare su un panno asciutto.

Ora i taralli sono pronti all'ultima operazione: la cottura in forno
Preriscaldate il forno a 200° e disponete i taralli su una teglia oliata (o su carta forno).
Mettete la teglia in forno (già caldo) e lasciate cuocer per 20-25 minuti

ED ECCO A VOI I TARALLI DI PAPA' GNOL pronti per essere mangiati.

RISULTATO ASSICURATO, I TARALLI DI PAPA' GNOL (e PJ) SONO UNA MERAVIGLIA.
Ovviamente ora potete fare tutte le versioni che volete (al peperoncino, ai cereali, accòm vulèit)

Con la speranza di aver dato ai barlettani nel mondo un nuovo modo per sentirsi vicini alla propria città, Papagnolo vi augura un buon inizio di feste.

P.S. MA AVETE NOTATO QUANTI ALTRI BARLETTANI SI SONO AGGIUNTI AL NOSTRO CENSIMENTO? (gli ultimi, Giappone, Argentina... non so se ci spieghiamo)

CI VEDIAMO PRESTO
PAPAGNOLO Vostro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (7)  Storico Storico  Stampa Stampa
 


Titolo
A fotografei (1)
Barletta nel Cuore (36)
BARLETTA NEL MONDO (7)
Comunicazioni (7)
Dalla nostra inviata a Barletta (4)
Gino Pastore (4)
Impariamo il barlettano (26)
INIZIATIVE by Papagnol.com (18)
Io Sono Barlettano (47)
L'angolo della fotografia (3)
Papagnol & Friends (43)
Saggezza Barlettana (13)
Storia di Barletta (4)
UNO A ZERO "PALLA AL CENTRO" (2)

Catalogati per mese:
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi pi cliccati

Ultimi commenti:
canada goose https://www....
15/09/2019 @ 11:34:37
Di acawew
Vivo a Roma dal 1994. Ho ...
10/09/2019 @ 11:18:50
Di Andrea Laforgia
Excellent and nice post. ...
06/09/2019 @ 07:18:39
Di Troubleshoot Dell Printer Error 092-671, 092-670
MyHyderabadEscorts.com br...
27/06/2019 @ 09:20:09
Di Hyderabad Escorts
+BEautiful work of art
21/05/2019 @ 08:37:22
Di Kudi

Titolo
[ FIRMA ANCHE TU ]


la tua foto UNOaZERO sul Blog

L'album di PJ-Stefano

PAPAGNOL anche su MYSPACE


Cerca per parola chiave
 

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           


Ci sono 720 persone collegate

Titolo
Nessun sondaggio disponibile.


17/09/2019 @ 16:28:53
script eseguito in 112 ms



Layout design by eStrix
distributed by:
pinkpowder : templates