Vota per intitolare:

Google
 

dBlog piattaforma CMS Open Source per Blog
\\ Home Papagnol : Storico : Impariamo il barlettano (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di papagnol (del 22/04/2008 @ 09:23:08, in Impariamo il barlettano, linkato 1626 volte)

Buongiorno a tutti, da oggi iniziamo il corso di lingua barlettana dedicato a quelli che hanno ancora qualche dubbio sulla pronuncia, sulla coniugazione e sulle regole di traduzione dall'italiano al barlettano.

Con l'aiuto del libro del Prof Digaeta ("Elementi di grammatica del dialetto barlettano") proviamo a fare luce sulla grammatica nostrana, provando a trovare un metodo per poter imparare il nostro dialetto. La parte bella sarà appunto quella di capire se esiste un "METODO" per insegnare il barlettano

Ovviamente non c'è miglior metodo se non esercitarsi e parlare, ma questo vale per tutte le lingue, come per il mediatore (per il quale non serve conoscere le regole, bisogna saper giocare... e avèst!"

Ovviamente mi avvarrò della collaborazione dei maestri Francìsk, Tatòre, Manu e MbaMichele che (come tutti voi) potranno contribuire ad arricchire tutte le lezioni con altri elementi, esempi e regole...

PROVIAMOCI

LEZIONE "ZERO": alcune considerazioni di storia

 Barletta ha sempre avuto 3 forme dialettali: quella del rione marinaro, quella del centro e quella del rione contadino.

Con il trascorrere degli anni in realtà le forme dei due rioni periferici si sono fuse perchè le differenze erano minime, soprattutto nella modulazione dei suoni. Quindi si può dire che fino a qualche decennio fà le forme dialettale erano due (centro e periferia), che si sono poi a loro volta piano piano fuse fino a diventare il dialetto barlettano che parliamo oggi tutti, salvo qualche eccezione nel borgo marinaro o contadino dove occasionalmente si possono sentire termini e suoni a noi strani

Un esempio su tutti è l'annosa questione del nome dialettale di BARLETTA, che i contadini e i marinai continuano ancora a chiamare Varrètt mentre ormai tutti diciamo Barlètt che era la forma dialettale del CENTRO.

ALTRI ESEMPI ESPLICATIVI? Eccoli:

  CENTRO PERIFERIA
La pompa 'a pòmb 'a pàmb
La botta 'à bbòtt 'a bbàtt
La botte 'à vòtt  'à vàtt
La corsa 'a còrs 'à càrs
sotto sòtt sàtt
diciotto d'ciòtt d'ciàtt
 la macchina 'à màch-n 'a mèch-n 
 la bilancia 'à v'lànz  'à v'lènz 
 la mamma 'a màmm  'a mèmm 
 sta (da stare) stà  stè 
 la paglia 'a pàgghij  'a pègghij 
 aspettare asp-ttà  asp-ttè 
 papà tatà  tatè 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come si vede il vecchio dialetto del centro somiglia un pò al salinaro o al tranese, invece i suoni a noi più familiari provengono sicuramente dalle forma dialettali periferiche.

Il compito per casa di oggi è cercare, ovviamente, altri esempi di differenza tra le forme dialettali del centro e della periferia

La canzone di oggi per l'esercitazione di "LISTENING" è Sòp a SantaMarèij che parla del rione marinaro di un tempo non tanto lontano:

Sòp a Santa Marèj, u ppàn s pòrt 'ò furnàr

Sòp a Santa Marèj, l'addòr l'addòr d'ù màr

Sòp a Santa Marèì, Marèi spènn i pènn 'ò balcòn, chènd na vecchià canzòn

Na ghètt dòrm 'ò candòn, cuss iè u paièis d'Arè

 
Di papagnol (del 29/04/2008 @ 11:43:27, in Impariamo il barlettano, linkato 1648 volte)

"A"

La lettera "a" non viene quasi mai pronunciata quando è una finale (mèmm, chèrt, stràd...) mentre assume un accento grave quando l'inflessione datale è forte (in questo caso si pronuncia A e nello scrivere inseriremo l'accento sulla A per evidenziare l'accento grave)

Es: Farfalla (palàmm o palàmb), ingoiare (gniàtt), matrigna matràij)

Molto spesso invece, nella traduzione dall'italiano al barlettano, la A cambia in "E"

Es: carta (chèrt), mamma (mèmm), esatto (esètt), bilancia (v-lènz)

"E"

La "e" richiede l'uso dell'accento acuto (é) quando assume un suono stretto e chiuso (in italiano)

Es: èrv (erba), féd (fetta), pésch (pesca)

Quando invece in italiano assume un suono largo e aperto, la E barlettana diventa quello strano suono àfono a metà strada tra la "E" e la "O",... insomma la famosa sesta vocale...

per convenzione nostra interna, la scriveremo usando la "à", in realtà si dovrebbe scrivere una "e" con una specie di cappelletto

Es: bene (bbàn), grano gràn), Pasquale (Pasquàl), Pane (pàn), Sinale (s-nàl)

Il classico accento grave (è) è invece usato in tutto gli altri casi ("è" aperta) e anche quando la "è" come voce verbale al passato prossimo, assolve la funzione dell'ausiliare AVERE.

Es: Ha bevuto (è b-vòut), ha mangiato (è mangiàt), ha scritto (è scrìtt)

....ma anche dell'ausiliare ESSERE

Es: è stato (è stàt), è venuto (è v-nòut), è entrato (è trasòut)

E' usata anche "aperta" quando la "è" è a inizio parola.

Es: acqua (ècque), erba (èrv), ernia (èrnij)

"I"

La lettera "i" viene segnata con accento grave (ì) solo quando assume un suono forte, e l'accento cade proprio sulla "i"

Es: culla (navìcul),  rimanere (rumanì), fastidio (fastìdij)

In alcuni casi la "i" si "dittonghizza" in "ei" richiedendo l'accento sulla E

Es: cuscino (cuscèin), dozzina (duzzèin), sì (sèin), taschino (taschèin)

mentre in altre parole che hanno il dittongo "ie" in barlettano si trasforma in "ii" conferendo tonicità alla prima "i"

Es: portiere (purtiir), carriera (carriir), barbiere (varviir)

 "O"

La lettera "O" quando ha il suono dolce, simile al dittongo francese "eu" o alla "oe" tedesca, richiede l'uso della dièresi (i puntini sulla o che col computer non si possono scrivere)... per convenzione papagnola useremo la "ò" accentata

Es: porta (pòrt), cravatta (scòll), cappotto (cappòtt)

quando è presente nel corpo delle parole, spesso in barlettano diventa "a"

Es: folla (fàdd), gomma (gàmm), tombola (tàmb-l), tosse (tàss)

mentre in altre cambia addirittura in "ou" (che insomma... quando diciamo OU siamo proprio noi...) che distingue il plurale dal singolare dello stesso termine (o il maschile dal femminile)

Es: solo (sòul) sola (sòl)... cremone (cr-mòn), cremoni (cr-mòun)... barbone (varvòn), barboni (varvòun)

altre ancora fanno diventare la "o" una "u"con dieresi.

Es: corto (cùrt), polpo (pùlp), pozzo (pùzz), sordo (sùrd)

Infine in alcune parole, la "o" del dittongo "uo" si elimina, lasciando la sola "u" con suono aperto e prolungato

Es: buono (bun), fuoco (fuch), suocero (s-ruch)

"U"

Quando la lettera "u" assume il suono tipico della lingua francese e/o tedesca, in dialetto si pronuncia come la "u" con la dieresa (o, nota papagnola, come la "Ui" del lucco schamato..."Uiiiiiiiii")

Es: fulmine (fùlmn), gusto (gùst), lusso (lùss)

In alcune altre parole, la "u" si trasforma invece in "ou" conferendo la nota tonicità della nostra "ò" (del lucco "Ouuuuu"

Es: lupo (lòup), pertugio (p-rtòus), starnuto (starnòut), cornuto (ch-rnòut)

FINE DELLA LEZIONE

compiti per casa: trovare altre regole da applicare ai suoni vocali ed altri esempi che invece confermano le regole di composizione esposte nella lezione

LISTENING: il listening di oggi è dedicato ai vocaboli, dove si fà molto uso delle vocali, la canzone da ascoltare come esercitazione (ricordando il maggior numero di parole) è: "A Zèit ch'a llìpp" (disponibile su RADIO PAPAGNOL o come testo a questo LINK)

Alla prossima lezione (lezione 2) che sarà dedicata ai suoni "consonanti"

 
Di papagnol (del 10/05/2008 @ 09:21:03, in Impariamo il barlettano, linkato 1627 volte)

che bello che è il "BARLETTANO"....

certe volte basta APRIRE o CHIUDERE una vocale... ed escono 2 parole completamente diverse....

NON CI CREDETE?

Provate a dire in BARLETTANO i nomi di questi 2 oggetti....

BUON WEEKEND

 

 
Di papagnol (del 24/06/2008 @ 09:27:33, in Impariamo il barlettano, linkato 1824 volte)

lezione numero N del barlettano-italiano parlato senza studiato (come dire "stanno tutti i letti senza fatti")...

Forse non tutti sanno che, il barlettano usa spesso locuzioni che noi definiremo "addoppio" (addàppij) per indicare in maniera più marcata il concetto appena espresso, ovvero il ripetere due volte una parola o una frase per dire che è "DI PIU'".

Questa (diciamo) regola si spiega decisamente meglio con gli esempi (decalogo essenziale):

  1. Come si cammina in sicurezza per strada? Sopra Sopra... (il marciapiede)
  2. Dove si lasciano ricordi e pezzi di sè? Strada Strada
  3. Dove si butta il petulante testimone di Geova? Scale Scale
  4. Come cammina colui che ha paura? Muro Muro
  5. Come si guarda più nel profondo? Dentro Dentro (Jìnd Jìnd)
  6. Come dovremmo camminare secondo i suggerimenti della mamma? Sotto Sotto
  7. Dove si trova l'ultimo piatto della pila, quello in fondo? Sotto Sotto
  8. Come si definisce un dormiglione all'inpiedi? Un Dormi Dormi (nu Dùrm Dùrm)
  9. Cosa accade in caso di terremoto? Il fuscia fuscia... (u fuscia-fòusc)
  10. Come si definisce in barlettano il sesto senso? RineRine (Es: stu fètt m'u sndàv rèin rèin)
  11. Chi è disordinata lascia le cose CASA CASA
  12. Senza ragione, all'improvviso: A BUONO A BUONO
  13. Cosa fatta in anticipo che può tornare comoda: BUONO BUONO CE LA TROVIAMO FATTA
  14. Ti sei intromesso, oppure la fai facile: SEI ARRIVATO CACCHIO CACCHIO
  15. Minaccia contadina al bimbo discolo: TI FACCIO CORRERE VIGNA VIGNA
  16. Minaccia generica al bimbo discolo: TI FACCIO SANGUE SANGUE (SèNGH SèNGH)
  17. Minaccia di mamma al bimbo discolo: TI FACCIO CORRERE CASA CASA
  18. Stato successivo a grossa mangiata: MI SONO FATTO TONDO TONDO
  19. Aver mescolato concetti, frasi, situazioni: ABBIAMO FATTO UN MISCKA MISCKA
  20. Spasimare per una persona, seguirla: ANDARE INGULO INGULO (o DIETRO DIETRO)
  21. Uno dopo l'altro, in successione.... ARRINGH ARRINGH
  22. Concetto di PALPCID: il raddoppio dei sostantivi (muro muro, sengh sengh) è tipicamente barlettano, contrariamente agli aggettivi (tunn tunn, bun bun) che danno maggior carica fonica al concetto ma che si usa anche in italiano (STABBENE A PALPICELLA)

Riguardo le frasi ripetute-ribaditive è semplicissimo: basta legare le due frasi con un semplice "CHE" ed ecco che il nostro concetto viene ribadito con forza (da cui appunto la frase RIBADITIVA che la grammatica italiana ha dimenticato tra le sue regole)

E ORA: VEDETE SE SCRIVETE ALTRI ESEMPI...(PAUSA) CHE VEDETE SE SCRIVETE ALTRI ESEMPI

24 GIUGNO: Auguri al nostro "Giuènn" e a tutti i Giuènn che ci seguono

e anche ai papagnoli che sono 14 anni che.....

 
Di papagnol (del 25/07/2008 @ 10:29:58, in Impariamo il barlettano, linkato 1629 volte)

da Milano vi "imbariamo" il barlettano

La lezione di barlettano di oggi è presentata da Raffaele, uno degli amici freschi freschi del nostro sito...

Raffaele è un altro emigrato (ma mooolto prima di me) ed è un altro elargitore di sane chicche barlettane. In questo weekend vi lasciamo studiare su appunti gentilmente inviati da Raffaele, a voi!

Così si presenta:  ho scoperto il Vostro sito da un paio di settimane e credetemi mi sento abbuisciuto (per lavorare e quindi vivere sono emigrato a Milano da 34 anni. Non sputo nel piatto dove mangio ma quando vado a Barletta per far visita ai miei parenti, nell'andar via ancora oggi m'auend nghenn

CUTIRUZZO: (parte corporea comprendente osso sacro), si usa spesso quando fa male (c'm dòl u ch'trùzz)

BALL (mnè scitt a pest ca... sta bollendo l'acqua)

FRCA' (c'na frnisc te dè nu....un fracco di mazzate")

DA MCHLEIN NU MEZZ DI RICHIA A NEUR (da Michelino un mazzo di origano a 1 ?)

ANGOR CHEMB: ( sinonimo del proverbio chi non muore si rivede) quando si incontra un amico dopo moltissimo tempo e di cui non si era avuta alcun notizia

m meis ù pap sop a rouc (il rimedio di un danno ha dato un risultato peggiore del danno stesso)

CITT CITT MEZ A CHIEZZ (narrare un fatto ad una persona di fiducia, la quale invece si rivela una che parla troppo)

SENALE (snòl) grembiule

UAGNONE (ragazzo, giovanotto)

RUCILARE**** (rotolare)............... citazione DOC, bravo da Papagnol

CITOLATA (acetilene- sostanza solida tipo carbone la cui solubilità in acqua produce gas) la usavano di notte i pescatori

MUSIDDARE (sembr musdden veij - spizzicare- mangiare qualcosa in continuazione)

SALVAGGIUNA (cattivo odore di selvatico) di persona che ha litigato con acqua e sapone.........citazione DOC, bravo da Papagnol

CICINO (cìcn) piccolo otre con in terracotta ad un bracciolo con un piccolo foro su di un lato per poter bere (usato da chi lavorara in posti privi di acqua potabile

SFISCIUNA ( a sfscioun- di sfuggita)

SPARAMINBETTO (dialettale spèr-mbitt) persona impettita ed altera

TAGGHIOLA (trappola per topi)

ammuccare (in punto di cadere o cadere dal sonno)

PUPIZZI (cantilena: sentalgriz sentalgriz a n'o'tt d'natl mangiom i pupizz) salutoni dopo 34 anni a Milano sto "Abbuisciando"

ARRUPIZZATO (ricucito)anche di persona cjhe ha subito diverse lesioni (ste bun arrupzzt)

POLUCCIO (M'STE A V'NI) SONNOLENZA, ABBIOCCO SALUTONI

SIVONE (sinonimo di persona rozza e dai modi scortesi)

VAVONE dicesi di persona rozza e culturalmente arretrata

RUMASCIARE termine prettamente contadino- estrarre le cipolle da sottoterra

IMBUSIMATO (inamidato, teso)

NANNORA (nonna ma molto avanti con gli anni)dicesi di donna che seppur giovane ragiona da persona molto anziana

AFFALUGNATO (vecchio, raggrinzito)

LECCAMORVO che si lecca il mocio con la lingua(adolescente che si crede adulto ma che ragiona ancora da bambino)

Virrocco (cavalletta), da non confondere con vroccolo (torsolo)

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6


Titolo
A fotografei (1)
Barletta nel Cuore (36)
BARLETTA NEL MONDO (7)
Comunicazioni (7)
Dalla nostra inviata a Barletta (4)
Gino Pastore (4)
Impariamo il barlettano (26)
INIZIATIVE by Papagnol.com (18)
Io Sono Barlettano (47)
L'angolo della fotografia (3)
Papagnol & Friends (43)
Saggezza Barlettana (13)
Storia di Barletta (4)
UNO A ZERO "PALLA AL CENTRO" (2)

Catalogati per mese:
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022
Settembre 2022
Ottobre 2022
Novembre 2022
Dicembre 2022
Gennaio 2023
Febbraio 2023
Marzo 2023
Aprile 2023
Maggio 2023
Giugno 2023
Luglio 2023
Agosto 2023
Settembre 2023
Ottobre 2023
Novembre 2023
Dicembre 2023
Gennaio 2024
Febbraio 2024
Marzo 2024
Aprile 2024
Maggio 2024

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
https://www.yeezyv2-outle...
23/05/2024 @ 12:56:19
Di Yeezy Supply
Anything that your skin t...
26/04/2024 @ 09:29:17
Di Best Salon Lahore
https://boilingsteam.com/...
08/08/2023 @ 09:38:27
Di Tiara Lee
YeezyYeezysJordan 1Air Jo...
04/08/2023 @ 15:52:17
Di yeezy
can you bring chips on a ...
01/08/2023 @ 11:42:26
Di can you bring chips on a plane

Titolo
[ FIRMA ANCHE TU ]

 


la tua foto UNOaZERO sul Blog

L'album di PJ-Stefano

PAPAGNOL è anche su MYSPACE


Cerca per parola chiave
 

< giugno 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             


Ci sono 261 persone collegate

Titolo
Nessun sondaggio disponibile.


18/06/2024 @ 10:21:37
script eseguito in 55 ms



Layout design by eStrix
distributed by:
pinkpowder : templates